• Blog
  • Contratto di factoring: cos'è e come funziona?

Contratto di factoring: cos'è e come funziona?

Cercate una fonte di finanziamento per la vostra attività, state cercando di capire come strutturare il vostro contratto di factoring? Si tratta di un contratto che lega un'azienda ad una società specializzata a cui trasferisce le fatture clienti in cambio di liquidità immediata. Come funziona questa tipologia di contratto e quali sono i vantaggi e gli svantaggi? Vi spieghiamo tutto in questo articolo.

Contratto di factoring: definizione

Il contratto di factoring è un tipo di contratto mediante il quale un'azienda trasferisce le proprie fatture ad una società specializzata in cambio del pagamento anticipato delle stesse. In altre parole, l'azienda vende le proprie fatture a una società specializzata denominata factor.

Il factor anticipa, quindi, il pagamento delle fatture all’azienda e si occupa del recupero crediti presso i clienti. Per proteggersi da eventuali insoluti, detrae una certa percentuale dell'importo delle fatture per costituire un fondo di garanzia.

Il factoring è, quindi, un mezzo di finanziamento a breve termine che consente ad un'azienda di ottenere il pagamento anticipato delle fatture dei clienti. In tal modo non è più necessario attendere le scadenze per ottenere i fondi corrispondenti.

È importante sapere che il factoring è una tecnica riservata esclusivamente ai rapporti B2B.

Come funziona il contratto di factoring?

Esistono diverse tipologie di contratto di factoring:

  • Factoring parziale,

  • Factoring tradizionale,

  • Factoring online,

  • Factoring confidenziale,

  • Etc.

Tuttavia, la modalità di funzionamento rimane quasi la stessa.

Ecco, in sei passaggi, come funziona un contratto di factoring:

  1. L'aziendaconsegna al factor l'elenco dei suoi clienti. A seconda della tipologia di contratto di factoring stipulato, esso può includere tutti i clienti dell’azienda oppure solo una parte.

  2. Il factor analizza la situazione finanziaria dei clienti e si assicura della loro solvibilità.

  3. L'azienda riceve degli ordini ed emette fatture ai clienti.

  4. L'azienda trasmette le fatture dei clienti man mano che vengono emesse.

  5. Il factor paga la somma corrispondente all'importo delle fatture al netto delle commissioni e delle ritenute di garanzia all’azienda entro un periodo medio di 24 ore.

  6. Il factor riscuote il pagamento dai clienti alla scadenza e gestisce eventuali insoluti.

A seconda del tipo di factoring, l’azienda deve avvisare i propri clienti che trasferisce le sue fatture ad una società di factoring. Tale notifica viene effettuata mediante l'apposizione di un avviso di surrogazione sulle fatture inviate al cliente.

Esempio di contratto di factoring

Ecco un esempio concreto che vi aiuterà a comprendere meglio il principio del factoring.

L'azienda X ha tre clienti principali: le aziende A, B e C. Fornisce regolarmente servizi a questi clienti aziendali. Tuttavia, il pagamento avviene dopo un periodo di 35 giorni. Ma l’azienda X è in forte crescita e ha bisogno di liquidità per investire ma anche per pagare i propri dipendenti.

Quindi, il CFO dell'azienda X propone il factoring per ottenere liquidità immediata. Il dipartimento commerciale dell'azienda si propone, quindi, di trovare un factor. Viene, quindi, firmato un contratto di factoring tra le due entità.

Il processo inizia quando le fatture dell'azienda vengono trasmesse al factor. Quest'ultimo le controlla e poi le convalida.Poi versa l'80% delle fatture cedute entro 24 ore. Il restante 20% viene trattenuto come commissione per remunerare i servizi del factor e per costituire un fondo di garanzia.Per tutta la durata della collaborazione il factor gestisce anche la contabilità dei clienti dell'azienda. Si occupa anche di:

  • Solleciti,

  • Recupero crediti,

  • Gestione del contenzioso in caso di insoluto;

  • Etc.

All’arrivo della scadenza delle varie fatture, i clienti dell'azienda pagano al factor l'importo del loro debito. In caso contrario, il factor recupera l'importo delle fatture non pagate dal fondo di garanzia.

Al termine del contratto di factoring il fondo di garanzia viene restituito alla società X.

Perché utilizzare un contratto di factoring?

Secondo un preconcetto sempre più messo in discussione, il factoring è destinato esclusivamente alle imprese in difficoltà finanziarie. Certamente, questa tecnica rende possibile di disporre di liquidità immediata in caso di divario significativo tra le entrate e le uscite dell'azienda.Il factoring permette, così, di finanziare il WCR affinché l'azienda possa operare senza attendere la scadenza delle fatture.

Il factoring è un’alternativa davvero interessante ai prestiti bancari perché te lo consente avere liquidità immediata senza indebitarsi. È, quindi, un buon modo per qualsiasi azienda di finanziare il proprio WCR senza troppi rischi.E questo, anche se non è in difficoltà finanziarie in senso stretto.

Ecco alcune situazioni che possono motivare il ricorso al factoring:

  • In caso di bisogno di fondi da investire.

  • Per finanziare il vostro WCR durante i periodi non di punta in caso di attività altamente stagionale.

  • Per sostenere la crescita aziendale;

  • Per delegare attività relative alla gestione dei clienti guadagnando tempo per concentrarsi sulla vostra attività principale.

  • Per diversificare le vostre fonti di finanziamento ed evitare, ad esempio, la dipendenza dai prestiti bancari.

Quali sono i vantaggi del factoring?

Il factoring è una soluzione di finanziamento che offre diversi vantaggi alle aziende che vi aderiscono:

Delega recupero crediti

Il factoring comporta il trasferimento al factor dell’onere del recupero amministrativo dei crediti. In questo modo l’azienda evita un compito che può essere costoso e improduttivo.

Inoltre, il factoring comprende aspetti diversi dal semplice finanziamento del debito. La società di factoring svolge anche ulteriori compiti come la gestione amministrativa dei clienti.Gestisce, quindi, i solleciti ai clienti e le controversie in caso di mancato pagamento.

Liquidità immediata

Nella normale attività di un'azienda, ai clienti vengono concesse scadenze per il pagamento dei loro debiti.Il periodo medio di pagamento è 15 giorni. Il termine legale è di 30 giorni. Quindi, quando emette fatture, l'azienda deve attendere in media dai 15 ai 30 giorni (e anche 60 giorni al massimo) prima di essere pagata.Di conseguenza, il flusso di cassa può risultare insufficiente tra gli esborsi e gli incassi. Quindi, prima delle scadenze di pagamento, l'azienda potrebbe avere bisogno di liquidità.

Il factoring è quindi una soluzione adatta in questo caso. In effetti, è sufficiente che l'azienda trasferisca le sue fatture clienti a una società di factoring per ottenere liquidità immediata. In media ci vogliono tra le 48 e le 72 ore affinché il factor possa anticipare i fondi.

Protezione contro gli insoluti

Una volta cedute le fatture a una società di factoring, le trasferite anche il rischio di mancato pagamento.D'ora in poi, l'azienda sarà responsabile della riscossione dei crediti dei clienti.D'altra parte, richiede la costituzione di un fondo di garanzia per coprire eventuali pagamenti in sospeso. Ciò significa che, in caso di insolvenza del cliente, non dovrà fare altro che attingere a questi fondi per recuperare l'anticipo di cassa versato.

E gli aspetti negativi?

Il factoring presenta anche tre principali svantaggi:

Una soluzione costosa

Per essere pagato, il factor addebita due tipi di commissioni:

  • La commissione finanziaria. È destinato a remunerare il factor per l'anticipo di cassa versato. Ha un tasso di interesse incluso tra il 2 e il 4% dell’importo del fatturato trasferito.

  • La commissione di factoring. Si tratta della commissione destinata a remunerare il factor per i servizi aggiuntivi forniti, tra cui la gestione dei conti clienti e l'assicurazione del credito. Oscilla tra lo 0,2 e il 2% dell'importo delle fatture cedute.

Oltre a queste commissioni, possono essere applicati costi aggiuntivi anche per operazioni e servizi specifici come procedure di contenzioso, audit, etc. A questi si aggiunge la ritenuta di garanzia prelevata dal factor.

Tutti questi elementi vengono detratti dal factor dall'importo delle fatture cedute dall'azienda. Di conseguenza, l'azienda recupera solo tra il 70% e il 90% del loro importo.

Pertanto, è essenziale tenere conto di questi costi e dei possibili impatti sul flusso di cassa prima di optare per il factoring. In particolare, dovete valutare se la soluzione rimane redditizia per la vostra azienda nonostante i suoi costi.

Un impegno a lungo termine

Alcuni contratti di factoring richiedono un impegno a lungo termine (per diversi mesi, ad esempio). Pertanto, l'azienda è tenuta a trasmettere tutte le fatture dei suoi clienti durante questo periodo.Altri tipi di contratto possono richiedere una soglia minima di fatturato. Il mancato raggiungimento di tale soglia comporta sanzioni pecuniarie per l’azienda.

È quindi importante capire e negoziare il contenuto del contratto di factoring prima della sua firma. È inoltre necessario prendersi il tempo necessario per scegliere attentamente il proprio factor in modo che la soluzione porti vantaggi reali all'azienda.

Il deterioramento dei rapporti con i clienti

Il contratto di factoring comporta una cessione parziale della gestione del rapporto con la clientela. L’azienda perde, quindi, il controllo del modo con cui si rivolge ai clienti. È anche difficile garantire che la comunicazione con i clienti rimanga conforme alla politica aziendale.

Il factor potrebbe, ad esempio, utilizzare metodi di riscossione più rigidi. Ciò contribuisce al deterioramento del rapporto dell’azienda con i propri clienti. Inoltre, potrebbe porre domande sulle possibili difficoltà finanziarie dell'azienda.

Quale alternativa al contratto di factoring?

Abbiamo visto che, nonostante i suoi molteplici vantaggi, il factoring presenta anche alcuni aspetti limiti. Cercate un'alternativa al contratto di factoring? Pensate a Hero.

Hero è una soluzione di pagamento riservata alle PMI/micro imprese B2B. Offre un'alternativa innovativa al factoring. Infatti, grazie a Hero, potete ottenere il pagamento anticipato delle fatture clienti entro 24 ore dopo la loro trasmissione/validazione da parte della piattaforma.

La piattaforma offre anche servizi di pagamento con pagamento differito e pagamento frazionato.Potrete, così, pagare i vostri fornitori in 3 o 4 rate oppure in differita mentre la piattaforma anticipa il pagamento.Il processo funziona in entrambe le direzioni poiché potete offrire queste agevolazioni di pagamento anche ai vostri clienti. Tuttavia, non c’è nessun rischio per il vostro flusso di cassa perché la piattaforma vi paga un anticipo sull'importo delle vostre fatture.

Allo stesso tempo, non comporta un danneggiamento alle vostre relazioni commerciali poiché la piattaforma funziona senza avvisare i vostri partner commerciali.

 

La sottoscrizione di un contratto di factoring offre, quindi, numerosi vantaggi alle aziende che cercano liquidità immediata per finanziare il proprio WCR.Tuttavia non è esente da inconvenienti a causa dei costi elevati. Hero emerge, quindi, come un'alternativa più flessibile e meno costosa al contratto di factoring.

05/01/2024

Enfin le paiement pro que vos clients attendent vraiment.