• Blog
  • Cos’è il bisogno di liquidità e come gestirlo?

Cos’è il bisogno di liquidità e come gestirlo?

Temps de lecture : 4 minutes

Per crescere o semplicemente per proseguire nel tempo, un'azienda ha bisogno di liquidità. Si tratta, infatti, di un elemento cruciale della sua salute finanziaria, perché può compromettere la sua capacità di pagare i fornitori e i dipendenti. È quindi necessario agire rapidamente e trovare soluzioni per finanziare il fabbisogno di liquidità. Vediamo cosa significa e come affrontarlo.

Che cos'è il bisogno di liquidità? Definizione

Noto anche come Fabbisogno di capitale circolante (Working Capital Requirement o WCR), il fabbisogno di liquidità si riferisce all'ammontare di liquidità di cui un'azienda ha bisogno per garantire le proprie operazioni a breve termine. È legato al disallineamento tra le entrate (fatture) e le uscite (spese) dell'impresa. 

Quando le uscite superano le entrate, l'impresa ha un fabbisogno di cassa. In altre parole, deve trovare fonti di finanziamento per coprire i suoi bisogni.

Il bisogno di liquidità può avere cause strutturali:

  • Termini di pagamento

  • Stock

  • Investimenti

  • Etc.

O congiunturali:

  • Calo dell'attività

  • Pagamenti insoluti

  • Etc.

Il bisogno di liquidità può avere conseguenze negative sulla solvibilità e sulla redditività dell'azienda, e deve quindi essere gestito con rigore e anticipo.

Quali sono le cause che portano a un bisogno di liquidità?

La necessità di liquidità è una situazione quasi normale per un'azienda. Come abbiamo visto, le cause possono essere strutturali o congiunturali.

Ecco i fattori più comuni che possono portare un'azienda ad avere bisogno di liquidità:

Termini di pagamento

I termini di pagamento sono intrinseci al modo di operare delle imprese. Tranne che in alcuni settori specifici (come la ristorazione e la grande distribuzione), è raro che i crediti dei clienti vengano saldati immediatamente.

Generalmente, il termine di pagamento è compreso tra 30 e 60 giorni dalla data di consegna dei beni o di prestazione dei servizi.

Questi tempi creano un disallineamento nel flusso di cassa dell'azienda. Ciò può essere fonte di problemi se viene gestito o previsto male. Per questo motivo è fondamentale redigere un rendiconto finanziario in anticipo, in modo da poter prevenire meglio le esigenze di cassa dell'azienda.

Bassa redditività o perdita

Se l'azienda non realizza un profitto sufficiente, o se subisce una perdita, potrebbe non essere in grado di coprire le spese fisse e variabili, come l'affitto, i salari, le tasse, etc. Dovrà quindi ricorrere a fonti di finanziamento esterne per colmare il deficit di cassa.

Allo stesso modo, le aziende con un alto livello di stagionalità hanno un maggiore bisogno di liquidità nei periodi di minore attività.

Livello di stock troppo elevato

Se l'azienda detiene un livello di scorte troppo elevato rispetto alle sue vendite, aumenta i costi di stoccaggio e di gestione e riduce la sua reattività ai cambiamenti del mercato. 

Più è difficile per l'azienda vendere le scorte, più aumenta il suo fabbisogno di liquidità. L'azienda deve, quindi, ridurre i propri margini o vendere le proprie scorte per smaltirle.

Costi eccessivi

Se l'azienda sostiene spese troppo elevate rispetto alle sue vendite, riduce il suo margine di vendita e la sua capacità di autofinanziare la propria attività. Deve, quindi, ricorrere a prestiti o apporti di capitale per finanziare le proprie esigenze correnti.

Necessità di spese di investimento

Se l'azienda ha bisogno di effettuare importanti spese di investimento per crescere, modernizzarsi od ottemperare alle normative, deve spendere una parte significativa della liquidità disponibile. Deve, quindi, esborsare fondi quando sarà in grado di raccoglierne i frutti solo in un secondo momento. Ciò crea un gap nel flusso di cassa dell'azienda, che ha bisogno di essere finanziato.

In quali casi aumenta il bisogno di liquidità?

Come abbiamo visto, la necessità di liquidità è un evento comune nella vita aziendale. Tuttavia, è nell'interesse di un'azienda calcolarla e valutarla regolarmente per misurarne il livello. Un WCR elevato non è auspicabile perché l'azienda rischia di non essere in regola con i pagamenti.

Ecco alcune delle situazioni che possono portare a un aumento del fabbisogno di cassa:

Ritardi nei pagamenti o insoluti

Essi comportano una riduzione delle entrate di cassa e un aumento del fabbisogno di capitale circolante. Possono anche dare origine a costi aggiuntivi associati a:

  • Recupero crediti

  • Sanzioni per ritardi nei pagamenti

  • Interessi di mora

  • Procedimenti legali

Crisi di crescita

Si traduce in una tensione sul flusso di cassa, poiché l'azienda deve far fronte ad un fabbisogno supplementare di capitale circolante, di investimenti e di finanziamenti. Deve anche gestire i rischi legati alla qualità, alla concorrenza e alla regolamentazione.

I problemi di crescita possono essere innescati da un'innovazione, da un'opportunità di mercato o da una fusione/acquisizione.

Fornitori che non concedono più lunghi termini di pagamento

Un elevato fabbisogno di liquidità significa, tra le altre interpretazioni, che l'azienda paga i propri fornitori prima di incassare i propri crediti dai clienti.

Inoltre, se i fornitori dell'azienda non concedono più ampi termini di pagamento o li riducono, l'azienda deve pagare i propri acquisti più rapidamente.

Deve quindi disporre di liquidità sufficiente per rispettare le scadenze ed evitare penali o interruzioni di fornitura.

Come calcolare il fabbisogno di cassa?

Il fabbisogno di cassa e il fabbisogno di capitale circolante sono in realtà sinonimi.

Il WCR è la differenza tra le attività correnti (scorte, crediti clienti, etc.) e le passività correnti (debiti fornitori, oneri sociali, etc.). Si calcola come segue:

WCR = stock medio + crediti clienti - debiti fornitori medi

Come risultato di questo calcolo, si può trovare un fabbisogno di cassa nullo, positivo o negativo. Un risultato nullo significa che l'azienda riesce solo a generare liquidità sufficiente per coprire le spese.

Se è positivo, significa che l'azienda ha un deficit nella sua posizione di cassa e che dovrà compensarlo. Se è negativo, significa che l'azienda ha un'eccedenza di cassa che può essere utilizzata, ad esempio, per gli investimenti.

Come ridurlo?

Un fabbisogno di cassa positivo ed elevato significa che l'azienda ha un significativo deficit di cassa. Deve, quindi, chiedere un prestito o trovare un'altra fonte di finanziamento. In caso contrario, rischia il default. Ecco perché è importante mantenerlo a un livello accettabile.

Esistono diversi metodi e trucchi per ridurre il fabbisogno di liquidità dell'azienda:

Ottimizzare la gestione delle scorte

In questo modo si ridurranno i costi di stoccaggio, si limiterà il rischio di rotture o di eccesso di scorte e si libererà capitale. È possibile utilizzare metodi quali:

  • Just in time

  • Kanban

  • Punto di riordino

  • Etc.

Farsi pagare rapidamente

Più veloce è l'incasso dei crediti clienti, minore sarà il disallineamento nel flusso di cassa.

È possibile implementare azioni come:

  • Chiedere un acconto al momento dell'ordine, proporre metodi di pagamento rapidi e sicuri.

  • Offrire sconti o vantaggi per i pagamenti immediati e integrali.

  • Imporre penali o interessi di mora in caso di ritardo.

  • Sollecitare regolarmente i clienti in ritardo.

  • Etc.

D'altra parte, potete anche negoziare termini di pagamento più lunghi con i vostri fornitori. Questo vi aiuterà a evitare disallineamenti nel flusso di cassa, perché avrete ricevuto i crediti dei clienti prima di dover pagare i fornitori.

Farsi aiutare da esperti

È possibile rivolgersi a prestatori esterni, come:

  • Un commercialista, in grado di fornire consulenza sugli aspetti fiscali, legali e finanziari della vostra attività.

  • Un consulente finanziario, che può aiutarvi a trovare fonti di finanziamento adatte alle vostre esigenze.

  • Un broker di assicurazione del credito, che può proteggervi dal rischio di mancato pagamento.

  • Un factor, che può anticipare l'importo delle fatture dei vostri clienti.

  • Etc.

Fare previsioni con un software per i flussi di cassa

Il software per i flussi di cassa può aiutarvi a ottimizzare la gestione della liquidità, consentendovi di identificare potenziali necessità o eccedenze e di adattare le vostre decisioni di conseguenza. Inoltre, vi consente di:

  • Inserire e centralizzare i dati relativi agli incassi e alle spese.

  • Elaborare un budget previsionale e una pianificazione di liquidità.

  • Analizzare gli scostamenti tra previsione e realtà.

  • Simulare diversi scenari e misurarne l'impatto sul flusso di cassa.

  • Produrre report e dashboard.

  • Etc.

Come prevederlo e anticiparlo?

Ecco alcuni suggerimenti per aiutarvi a prevedere e anticipare il vostro bisogno di liquidità:

  • Redigere un bilancio previsionale accurato. Si tratta di un documento che consente di pianificare le spese e le entrate future dell'azienda per un determinato periodo, di solito un anno.

  • Analizzare la stagionalità della vostra attività. Si tratta di comprendere le variazioni stagionali della vostra attività, che possono avere un impatto significativo sul vostro flusso di cassa, in particolare in termini di entrate e uscite.

  • Monitorare il fabbisogno di capitale circolante (WCR) mese per mese. Si tratta dell'ammontare delle risorse finanziarie necessarie per gestire il ciclo operativo dell'azienda.

Come potete finanziare il vostro fabbisogno di liquidità?

Tra i numerosi strumenti finanziari compaiono

Cessione di crediti

Si tratta di una transazione che prevede il trasferimento dei vostri crediti clienti a terzi (banca, società di factoring, ecc.) in cambio di un anticipo di cassa.

MFR (Mobilization of Foreign Receivables)

Si tratta di una tecnica di finanziamento a breve termine dei crediti all'esportazione, che prevede la cessione alla propria banca delle fatture relative alle vendite effettuate all'estero. Questo metodo è riservato a un certo tipo di aziende.

Sconti commerciali

Si tratta di un'operazione che prevede l'assegnazione alla propria banca di effetti commerciali (cambiali, vaglia cambiari, ecc.) emessi dai clienti.

Fido di conto corrente

Si tratta di un'autorizzazione eccezionale concessa dalla banca che consente di essere in posizione debitoria per un breve periodo (pochi giorni al mese). L'importo dell'anticipo viene stabilito dalla banca in base alle esigenze operative dell'azienda.

Factoring

Si tratta di una particolare forma di cessione dei crediti, che prevede un contratto con una società specializzata (il factor) che si assume la responsabilità di finanziare i crediti e di assicurare il rischio di mancato pagamento.

Utilizzare la nostra soluzione di pagamento Hero

Ognuna di queste soluzioni finanziarie sopra elencate ha un costo finanziario più o meno elevato. In quanto soluzione di pagamento espressamente dedicata a micro imprese e PMI, Hero offre caratteristiche pratiche, flessibili e convenienti.

Grazie alla sua funzionalità di pagamento differito, potete ottenere termini di pagamento più confortevoli dai vostri fornitori. In effetti, paghiamo i vostri fornitori immediatamente ma vi offriamo la possibilità di rimborsare molto più tardi. Il risultato? Potete aspettare di incassare i vostri crediti clienti prima di saldare i vostri debiti.

Potete anche utilizzare lo strumento della rateizzazione per pagare le vostre fatture in 3 o 4 rate, mentre la piattaforma paga immediatamente i vostri fornitori. Questo metodo di pagamento vi permette di limitare le vostre esigenze di liquidità.

In breve, anticipare e gestire il fabbisogno di liquidità è essenziale per la sopravvivenza di un'azienda. È fondamentale reagire in modo proattivo, anticipando i periodi critici e attuando strategie finanziarie adeguate. Pertanto, una gestione efficace del fabbisogno di liquidità è un pilastro fondamentale della salute finanziaria di un'azienda.

Écrit par

Valentin Orrù

Head of Growth

20/11/2023

Enfin le paiement pro que vos clients attendent vraiment.