• Blog
  • Come gestire efficacemente i debiti verso i fornitori?

Come gestire efficacemente i debiti verso i fornitori?

Temps de lecture : 5 minutes

I debiti verso fornitori rappresentano gli obblighi finanziari che un'azienda deve ai suoi fornitori per i beni o i servizi acquistati a credito.

Cosa sono i debiti verso i fornitori?

I debiti commerciali sono gli importi dovuti da un'azienda per beni o servizi acquistati ma non ancora pagati. Sono passività correnti e costituiscono parte integrante della gestione della liquidità di un'azienda.

Un esempio di debito verso i fornitori

Prendiamo due aziende: HydraTech, un produttore di bottiglie riutilizzabili, e CleanWater, un fornitore di filtri per l'acqua:

  • Il 3 marzo, CleanWater ha consegnato un ordine di filtri a HydraTech, che li ha ricevuti e ispezionati per verificarne la qualità.

  • CleanWater ha inviato la fattura di 10.000 euro il 5 marzo con un termine di pagamento a 30 giorni, creando un debito fornitore dello stesso importo per HydraTech.

  • Rispettando i termini, HydraTech ha effettuato il pagamento il 4 aprile, saldando il debito.

Come si contabilizzano i debiti verso i fornitori?

Dove si trovano i debiti verso i fornitori nel bilancio contabile?

Nel bilancio contabile, i debiti verso i fornitori sono registrati come passività, nei debiti correnti, in quanto sono generalmente saldati entro un anno dall'emissione.

Sono registrati nel conto "Debiti commerciali" e possono essere suddivisi in base alla loro scadenza.

Come capire se un'azienda è fortemente indebitata: il quoziente di rotazione dei debiti

Per valutare  l'indebitamento verso i fornitori si usa il rapporto tra debiti fornitori e acquisti: si tratta del quoziente di rotazione dei debiti commerciali.

Rapporto tra debiti verso fornitori e acquisti = (Debiti verso fornitori / Acquisti totali) x 100

A titolo di esempio, prendiamo un'azienda con debiti commerciali di 50.000 euro (media dell'anno) per acquisti totali di 200.000 euro nell'anno. Il rapporto sarebbe quindi (50.000 / 200.000) x 100 = 25%.

  • Un quoziente inferiore al 10% è spesso considerato basso e indica che l'azienda paga prontamente i propri fornitori o negozia condizioni di pagamento vantaggiose.

  • Un quoziente tra il 10% e il 50% può essere considerato normale in molti settori di attività.

  • Un quoziente superiore al 50% può essere interpretato come elevato e potrebbe significare che l'azienda fa molto affidamento sul credito fornitori per finanziare le proprie operazioni, il che potrebbe essere un segnale di pressioni sui flussi di cassa.

È essenziale confrontare questo quoziente con quelli tipici del settore di attività in questione, poiché possono variare significativamente da un settore all'altro.

L'impatto dei debiti verso i fornitori sul flusso di cassa di un'azienda

I debiti commerciali hanno un effetto significativo sul flusso di cassa di un'impresa, influenzando direttamente il Fabbisogno di capitale circolante (WCR).

Impatto sul WCR

Il WCR rappresenta i fondi necessari per coprire il ciclo operativo dell'azienda. Ritardare i pagamenti ai fornitori può ridurre temporaneamente il WCR, fornendo una forma di finanziamento gratuito e aumentando il flusso di cassa a breve termine.

Il pagamento immediato all'emissione della fattura aumenta WCR che richiede ulteriori risorse finanziarie.

Il ruolo di Hero nella gestione del WCR

Hero offre una soluzione di finanziamento che consente alle aziende di ottimizzare il loro WCR. Con una soluzione di reverse factoring, Hero aiuta le imprese a pagare i loro fornitori nei termini, consentendo loro di conservare la liquidità.

Strumenti contabili come QuickBooks facilitano la sincronizzazione e la tracciabilità dei pagamenti, rendendo più fluido l'intero processo di gestione dei debiti verso i fornitori.

Come si possono finanziare i debiti verso i fornitori?

Il finanziamento dei debiti verso i fornitori è essenziale per una sana gestione della liquidità:

  1. Reverse factoring con Hero

Hero offre una soluzione di reverse factoring, che consente di pagare i fornitori mantenendo un flusso di cassa flessibile.

È una leva per ottimizzare il WCR senza danneggiare i rapporti con i fornitori.

  1. Credito per cassa bancario

Il credito per cassa è un'opzione rapida per gestire le carenze di liquidità, adatta a esigenze specifiche. 

  1. Altre fonti di finanziamento

Se necessario, le imprese possono anche ricorrere ad altre fonti di finanziamento, come la raccolta fondi, il finanziamento basato sui redditi (RBF), o anche il credito d'imposta per la ricerca per le imprese innovative.

Perché i debiti verso i fornitori sono risorse finanziarie?

Il debito verso i fornitori è una risorsa perché l'azienda può utilizzare la liquidità fino a quando il debito non viene saldato.

I debiti verso i fornitori possono essere utilizzati strategicamente come risorse finanziarie temporanee. Essi consentono di estendere la liquidità disponibile senza ricorrere a un prestito esterno.

Rischi legati ai debiti verso i fornitori

Questa pratica deve essere gestita con attenzione per evitare di danneggiare la reputazione dell'azienda. I rischi sono notevoli:

  1. Rischio di credibilità

Un ritardo eccessivo nel pagamento dei debiti verso i fornitori può danneggiare la credibilità di un'azienda, compromettendo la sua capacità di negoziare buoni rapporti commerciali in futuro.

  1. Costo opportunità

Rimborsare troppo velocemente può essere oneroso. Occorre trovare un equilibrio tra il vantaggio di avere più liquidità e il costo opportunità di questo capitale vincolato.

  1. Rischi legali

Il mancato rispetto dei termini di pagamento può portare a controversie e persino, in casi estremi, a procedure di liquidazione giudiziale contro la società debitrice.

Una gestione oculata dei debiti verso i fornitori è fondamentale per mantenere una buona salute finanziaria e solide relazioni con i partner commerciali. Strumenti come quelli offerti da Hero possono aiutare le aziende a ottimizzare questa gestione.

Quali sono i tipi di debiti di un’azienda?

Le passività di una società possono essere raggruppate in base alla loro natura e alla loro scadenza.

Contabili

  • Passività finanziarie: prestiti bancari, emissioni obbligazionarie, scoperti di conto corrente, etc.

  • Passività non finanziarie: debiti commerciali, debiti fiscali, debiti verso i dipendenti, etc.

Per durata

  • A breve termine: generalmente con scadenza entro 12 mesi dalla fine dell'esercizio.

  • A lungo termine: scadenza oltre i 12 mesi.

Per tipo

  • Debiti commerciali: importi dovuti ai fornitori per acquisti di beni e servizi.

  • Passività fiscali e previdenziali: imposte e contributi previdenziali da pagare.

  • Obbligazioni: rimborsi dovuti agli obbligazionisti.

  • Prestiti e finanziamenti da istituti di credito: includono le linee di credito e i prestiti contratti.

Ogni tipo di debito ha implicazioni diverse sulla gestione finanziaria e deve essere monitorato attentamente per ottenere una salute finanziaria ottimale.

Per garantire una crescita duratura, è fondamentale gestire le risorse finanziarie in modo prudente. Un attento monitoraggio dei debiti verso i vostri fornitori influisce direttamente sulla solvibilità della vostra azienda. Non esitate a fissare un appuntamento con uno dei nostri esperti Hero per discuterne.

Domande frequenti

Come si cancella un debito con un fornitore?

Per estinguere il debito di un fornitore, l'importo dovuto deve essere pagato secondo i termini di pagamento stabiliti, spesso tramite bonifico bancario o assegno.

Chi paga i debiti di un'azienda?

I debiti di un'azienda vengono ripagati dall'azienda stessa con il proprio flusso di cassa o tramite finanziamenti esterni.

I debiti vanno registrati con o senza IVA?

I debiti devono essere registrati comprensivi di IVA, poiché è l'intero importo che deve essere pagato al fornitore.

Écrit par

Valentin Orrù

Head of Growth

20/11/2023

Enfin le paiement pro que vos clients attendent vraiment.