• Blog
  • Che cos'è il WCR negativo e come si può gestire correttamente?

Che cos'è il WCR negativo e come si può gestire correttamente?

Temps de lecture : 5 minutes

Il WCR è un indicatore essenziale nella vita di un'azienda. Il calcolo per determinarlo può portare a un WCR negativo, positivo o nullo. Come deve essere interpretato questo risultato? Cosa significa un WCR negativo e come è possibile ottimizzarlo e mantenerlo? Ve lo spieghiamo in questo articolo.

Ricordiamo cos'è e come si calcola il WCR (working capital requirement)

WCR è l'acronimo di Working Capital Requirement o Fabbisogno di capitale circolante.

Definizione

Per definizione, il WCR corrisponde al gap di flusso di cassa di un'azienda, ossia il gap tra le entrate e le uscite di cassa. Questo gap deve quindi essere finanziato per consentire all'azienda di operare.

Nelle sue operazioni quotidiane, un'azienda può avere meno liquidità in entrata che in uscita in un determinato momento. Le ragioni sono molteplici:

  • Quando si effettua una vendita o una transazione, il cliente in genere non paga immediatamente la fattura. Infatti, il Codice del Commercio prevede un termine di pagamento predefinito da 30 a 60 giorni dopo la consegna della merce o dopo la prestazione del servizio. In pratica, tuttavia, secondo il rapporto 2022 dell'Osservatorio dei tempi di pagamento francese, il ritardo medio di pagamento è stato di 11,7 giorni. Questi ritardi di pagamento producono un reale impatto negativo sul flusso di cassa di un'azienda e in particolare sul WCR. Ora, per produrre i propri prodotti o servizi, l'azienda ha dovuto effettuare acquisti o investimenti, che si traducono in uscite di cassa, cioè in spese. Questa situazione crea quindi un divario nel flusso di cassa, poiché l'azienda non riceve liquidità immediatamente dopo aver effettuato vendite o fornito servizi.

  • Le scorte accumulate dall'azienda non vengono vendute immediatamente. Più lungo è questo periodo (rotazione delle scorte), maggiore è l'impatto sul WCR.

Sebbene siano inerenti alla vita aziendale, questi ritardi creano un fabbisogno finanziario che deve essere finanziato.

Come si calcola?

Un'azienda deve tenere costantemente sotto controllo il suo WCR, fin dall'inizio della sua attività ma anche per tutta la sua esistenza. Prima di avviare un'attività, è necessario stimare il proprio WCR. Si tratta infatti di uno dei calcoli più importanti nella stesura del business plan.

Una stima errata può infatti compromettere la longevità dell'azienda. Secondo i dati, una stima errata del WCR è responsabile del circa 50% delle imprese che chiudono i battenti prima di aver raggiunto i 5 anni di vita.

Allo stesso modo, e per tutta la sua durata, è necessario calcolare il WCR periodicamente e regolarmente. È quindi necessario confrontare, analizzare e interpretare i risultati per identificare eventuali carenze o aree di miglioramento per l'azienda.

Esistono diverse formule per calcolare il WCR. Eccone una:

WCR = stock medio + crediti medi clienti - debiti medi fornitori

Esempio concreto di calcolo

Ecco un esempio concreto di calcolo del WCR per illustrare ciò che intendiamo.

Si tratta di un'azienda Alpha con le seguenti caratteristiche:

  • Fatturato IVA esclusa: 450.000 euro

  • Fatturato IVA inclusa (22%): 549.000 euro

  • Percentuale degli acquisti sul fatturato dell'azienda al netto dell'IVA: 52%, ossia 234.000 euro (285.480)

  • Termini di pagamento dei clienti: 35% entro 30 giorni e 65% dopo 60 giorni.

  • Termini di pagamento dei fornitori: 40% entro 60 giorni e 60% dopo 30 giorni

  • Giacenza media delle materie prime: 1 mese di acquisti IVA esclusa

  • Durata media delle scorte di prodotti finiti: 7,5 giorni di vendite, IVA esclusa.

Ecco il calcolo:

  1. Stock materie prime:

234.000 euro x 1/12 mesi = 19.500 euro

  1. Stock prodotti finiti:

450.000 euro x 7,5/365 giorni = 9.246,57 euro

  1. Crediti clienti:

95% x 30 giorni = 28,5 giorni

5% x 60 giorni = 3 giorni

Totale: 31,5 giorni di fatturato IVA inclusa

549.000 euro x 31,5/365 giorni = 47.379,45 euro

  1.  Credito fornitori:

10% x 30 giorni = 3 giorni

90% x 60 = 54 giorni

Totale: 57 giorni

285.480 euro x 57 giorni/365 giorni = 44.581,80 euro

WCR = (19.500 + 9.246,57 + 47.379,45 ) - 44.581,80 = 31.544,22 euro

Ciò significa che l'azienda deve finanziare il proprio fabbisogno di capitale circolante.

A cosa corrisponde un WCR negativo?

La maggior parte delle volte le aziende hanno un WCR positivo. Tuttavia, stanti alle loro caratteristiche e al modo in cui operano, alcuni settori hanno generalmente un WCR negativo.

Un WCR negativo è un segno di buona salute finanziaria per un'azienda. Significa che non c'è disallineamento tra le spese e le entrate di cassa. In altre parole, l'azienda non ha bisogno di trovare finanziamenti aggiuntivi rispetto alle proprie risorse.

Incassa dai clienti prima di aver pagato i fornitori. Ha quindi risorse sufficienti per coprire le spese correnti.

In questo caso si parla di "risorsa di capitale circolante" e non di necessità. Questo scenario si verifica soprattutto nelle aziende che praticano il pagamento integrale e immediato, come ad esempio nella grande distribuzione.

Esempio di calcolo

Torniamo all'esempio precedente dell'azienda Alpha, questa volta con i seguenti dati:

  • Quota degli acquisti sul fatturato dell'azienda al netto dell'IVA: 42%

  • Condizioni di pagamento dei clienti: integrale e immediato (100%)

  • Termini di pagamento dei fornitori: 75% a 30 giorni e 25% a 60 giorni.

  •  Durata media delle scorte di materie prime: 1 mese di acquisti IVA esclusa.

  • Durata media delle scorte di prodotti finiti: 3 giorni di vendite, IVA esclusa.

Ecco il calcolo:

  1. Magazzino materie prime:

234.000 euro x 1/12 mesi = 19.500 euro

  1. Scorte di prodotti finiti:

450.000 euro x 3/365 giorni = 3.698,63 euro

  1. Crediti clienti:

0 euro in quanto l'azienda pratica il pagamento integrale e immediato

  1. Crediti fornitore :

75% x 30 giorni = 22,5 giorni

25% x 60 = 15 giorni

Totale: 37,5 giorni

285.480 euro x 37,5 giorni/365 giorni = 28.849,31 euro

WCR = (19.500+ 3.698,63 +0 ) - 29.330,13 = -6.131,50 euro

Quali sono i vantaggi di un WCR negativo?

Avere un WCR negativo significa che l'azienda ha un'eccedenza di cassa. Ciò implica:

  • Una minore necessità di ricorrere all'indebitamento. A meno che non debba finanziare un progetto, non ha bisogno di indebitarsi. Questo si traduce in una riduzione dei costi operativi, perché gli interessi da pagare sono pochi.

  • Il rischio di insolvenza è minore perché l'azienda dispone di una fonte di finanziamento indiretta.

  • Maggiore libertà di azione. L'amministratore della società può avere il controllo delle sue decisioni perché la sua azienda opera con fondi propri.

Come si può ottimizzare il WCR in modo che rimanga negativo?

Un WCR negativo è già una soluzione ideale per qualsiasi azienda. Per mantenere questa situazione, potete agire su diversi fronti:

  • Ottimizzare la gestione delle scorte. Abbiamo già accennato all'importanza della rotazione delle scorte. Le scorte inattive rappresentano un costo per l'azienda e quindi aumentano il WCR. È quindi necessario effettuare inventari regolari per evitare un eccesso di scorte. Pensate anche a ridurre i tempi di approvvigionamento e di consegna ai clienti.

  • Negoziate termini di pagamento più lunghi con i fornitori. Anche i crediti verso i fornitori svolgono un ruolo importante nel mantenere un WCR negativo. Dovete assicurarvi di incassare prima di pagare i vostri fornitori. Ricordatevi anche di rifiutare qualsiasi pagamento anticipato. Prestate attenzione anche ai tempi di consegna. Potete anche utilizzare una soluzione come Hero che vi permette di pagare i fornitori molto più tardi.

  • Razionalizzare il pagamento dei debiti previdenziali e fiscali. Ad esempio, se siete in debito, è meglio pagare l'IVA mensilmente.

Demandez un devis personnalisé

In quali settori/industrie si riscontra un WCR negativo?

Ci sono alcuni settori in cui il WCR sarà sempre negativo. Ciò accade in particolare quando i fornitori vengono pagati a credito, mentre i pagamenti vengono effettuati integralmente e immediatamente. Gli esempi più comuni sono il settore della grande distribuzione e la ristorazione.

Come ottimizzare il vostro WCR con il factoring e BNPL (Buy now, pay later)?

Factoring e BNPL sono due metodi efficaci per ottimizzare il vostro WCR.

Factoring

Il factoring è una tecnica giuridico-finanziaria che consente a un'impresa di subappaltare l'incasso dei propri crediti a una società specializzata, il factor.

L'azienda riceve quindi un anticipo di cassa che le consente di finanziare il proprio fabbisogno di capitale circolante. Si tratta, quindi, di una tecnica da privilegiare quando l'azienda si trova di fronte a un WCR positivo elevato, cioè a una carenza di liquidità.

In cambio, il factor viene remunerato sotto forma di commissioni proporzionali all'importo del credito.

Se volete utilizzare il factoring, non cercate oltre: scegliete Hero. Si tratta di una soluzione di pagamento che offre dilazioni di pagamento.

Come funziona? Voi acquistate dai vostri fornitori. Hero anticipa l'importo delle vostre fatture ai vostri fornitori per vostro conto. Hero agisce quindi come factor.

Spetta poi all'azienda rimborsare Hero dopo 30-60 giorni.

Questa tecnica consente all'azienda di pagare gli acquisti più tardi. Ciò le consentirà di regolare il flusso di cassa in modo da non aumentare il fabbisogno di capitale circolante. Nel frattempo, l'azienda potrebbe essere in grado di incassare i contanti dai propri clienti, evitando così un disallineamento con i flussi di cassa in uscita.

Demandez un devis personnalisé

Buy now, pay later (BNPL) o Compra ora paga dopo

Il sistema BNPL consente a un'azienda di pagare un acquisto in più volte. Questo sistema offre molti vantaggi, tra cui la possibilità di attirare più clienti. Infatti, il BNPL consente ai clienti con mezzi limitati di poter acquistare la vostra offerta. Inoltre, contribuisce a ottimizzare l'esperienza del cliente e ad aumentare il carrello medio.

Hero supporta anche il "buy now pay later", consentendo di pagare gli acquisti in 3 o 4 rate. Questo vi permette di ottimizzare il vostro WCR, perché non dovete pagare tutto in una volta.

In altre parole, scaglionando i pagamenti, non si crea un divario eccessivo nel flusso di cassa.

D'altra parte, Hero paga i fornitori integralmente e immediatamente non appena l'acquisto è confermato. Questo sistema aiuta a mantenere le relazioni commerciali con i partner.

Demandez un devis personnalisé

In conclusione, è nell'interesse di un dirigente d'azienda monitorare il WCR per tenere sotto controllo la salute finanziaria della propria attività. Raggiungere un WCR negativo è proprio un buon segno. Ma riguarda solo alcuni settori. Per limitare il vostro WCR, adottate Hero e le sue opzioni BNPL e factoring.

Écrit par

Valentin Orrù

Head of Growth

17/10/2023

Enfin le paiement pro que vos clients attendent vraiment.