• Blog
  • Addebiti diretti ai clienti: possono essere imposti?

Addebiti diretti ai clienti: possono essere imposti?

Temps de lecture : 2 minutes

Gli addebiti diretti ai clienti sono una pratica comune, in particolare con la comparsa dell’area SEPA nel 2014. Ma possono davvero essere imposti? Questa domanda solleva questioni importanti per le transazioni commerciali.

Un cliente può essere costretto a pagare con addebito diretto?

No, nessun cliente può essere obbligato a pagare con addebito diretto. Il loro consenso è richiesto attraverso un mandato. Il mandato specifica le condizioni dell'addebito diretto (data, frequenza e importo) e l'identità del debitore e del creditore.

Potete imporre un metodo di pagamento ai vostri clienti?

No, è considerata una pratica abusiva imporre un metodo di pagamento specifico, in quanto crea una  violazione del principio di uguaglianza.

L'imposizione di un metodo di pagamento come l'addebito diretto può costituire un significativo squilibrio tra i diritti e gli obblighi delle parti.

Tuttavia, è possibile rifiutare un metodo di pagamento proposto da un cliente. Ad esempio, un commerciante può rifiutare il pagamento con assegno e richiedere, invece, un bonifico bancario o un pagamento con carta bancaria.

Richiedere l'addebito diretto nelle Condizioni Generali di Vendita (CGV): clausola abusiva o clausola legale?

L'aggiunta di una clausola che impone l'addebito diretto nelle CGV è considerata abusiva. Va contro il principio della libera negoziazione dei metodi di pagamento tra le parti.

Le clausole di addebito diretto devono rispettare l'equilibrio di diritti e obblighi tra fornitore e cliente. Una clausola che imponga unilateralmente l'addebito diretto senza consenso o discussione reciproca può essere contestata dalle autorità pubbliche.

Come si effettua un addebito diretto?

L'esecuzione di un addebito diretto bancario comporta diverse fasi fondamentali:

  1. Ottenere l'autorizzazione con un mandato di addebito diretto firmato dal debitore.

  2. Chiedere alla propria banca un identificativo unico del creditore SEPA.

  3. Definire con la propria banca i termini per l'emissione di addebiti diretti.

  4. Assegnare un Riferimento Unico Mandato (RUM) per ogni cliente,

  5. Informare il cliente almeno 14 giorni prima di ogni addebito diretto.

Cosa fare in caso di rifiuto di un addebito diretto?

In caso di rifiuto di un addebito diretto, è essenziale contattare il cliente per capire la situazione. Il rifiuto può essere dovuto a un problema tecnico, alla mancanza di liquidità o ad altri motivi.

Se il cliente non è raggiungibile, inviategli un messaggio email che illustri il problema e indichi il prossimo tentativo di addebito diretto. In questo modo si mantiene una comunicazione chiara e si dà al cliente la possibilità di risolvere il problema.

In caso di ripetuti inadempimenti e se la data di scadenza della fattura è stata superata, avviare le procedure di recupero crediti. Ciò può includere:

  • Solleciti formali,

  • Sanzioni per il ritardo nel pagamento,

  • Intervento di un'agenzia di riscossione.

Come rifiutare un addebito diretto?

Rifiutare un addebito diretto è un diritto del cliente. Per farlo, il cliente deve contattare la propria banca e richiedere la revoca del mandato di addebito diretto. La revoca può essere temporanea o definitiva, a seconda delle esigenze del cliente.

È anche possibile annullare un addebito diretto direttamente al creditore. Questo può essere fatto tramite lettera raccomandata o comunicazione elettronica, indicando chiaramente l'intenzione di interrompere gli addebiti diretti.

Che cos'è un rifiuto tardivo?

Un rifiuto tardivo si verifica quando la banca del cliente rifiuta un addebito diretto dopo la data di scadenza del pagamento. Ciò può essere dovuto a una mancanza di fondi o a un errore nelle istruzioni di addebito diretto.

Il rifiuto tardivo può causare costi aggiuntivi e richiede una comunicazione tempestiva tra il cliente e il creditore per trovare una soluzione.

Qual è la differenza tra un addebito diretto e un addebito diretto obbligatorio?

Gli addebiti diretti sono transazioni concordate tra un debitore e un creditore, in cui il debitore autorizza il creditore a prelevare fondi dal proprio conto a intervalli regolari. Di solito si tratta di pagamenti per servizi o beni.

I prelievi obbligatori si riferiscono a tasse e contributi imposti dallo Stato, come tasse o contributi sociali. Questi prelievi sono riscossi da diverse amministrazioni e non sono negoziabili o opzionali, a differenza degli addebiti diretti.

Quali alternative all'addebito diretto esistono per ridurre gli insoluti?

Per ridurre efficacemente i pagamenti insoluti senza affidarsi completamente all'addebito diretto, Hero offre una soluzione innovativa. I nostri servizi, come Hero Cash, consentono alle aziende di beneficiare di pagamenti immediati, offrendo ai clienti la flessibilità di pagare in un secondo momento.

Questo approccio migliora la gestione della liquidità e riduce al minimo il rischio di mancato pagamento. Offrendo opzioni di pagamento flessibili e sicure, Hero si posiziona come un'alternativa vantaggiosa per riscuotere dai clienti in modo efficiente.

Domande frequenti:

Che cos'è un addebito diretto?

L'addebito diretto è un trasferimento di denaro autorizzato dal debitore, in cui il creditore preleva la somma direttamente dal conto del debitore alle date concordate.


Écrit par

Valentin Orrù

Head of Growth

08/01/2024

Enfin le paiement pro que vos clients attendent vraiment.